Articoli

Non esiste luogo migliore di un mercato per assaporare la cultura gastronomica di un paese.

Come mercato spesso s’intente un posto in cui è possibile acquistare carne, pesce, frutta o verdura e nella capitale spagnola certo non mancano, ma la città di Madrid, e più in generale tutte le città spagnole sono rinomate per la presenza di mercati nei quali è anche possibile provare tapas o altro di caratteristico e non.

PLATEA

Il Platea non è propriamente un mercato nel senso classico del termine ma uno spazio in un cui poter provare la sensazione di una notte diversa dalle solite della capitale madrilena. Non mancano certo i soliti banconi con i prodotti ortofrutticoli ma la cosa particolare di questo posto è che dentro di esso si nasconde un teatro in cui ogni settimana si svolgono degli spettacoli di vario genere e un cocktail bar situato nel piano superiore.

INDIRIZZO: Calle de Goya, 5

METRO: Serrano (L4)

ORARIO: Lun, Mar, Mer 10:00 – 00:30 – Giov, Ven, Sab 12 – 02:30 

MERCADO DE SAN ANTÓN

Il Mercado de San Antón si trova nella zona di Chueca ed più o meno simile a quella di San Miguel, quanto meno nella sua conformazione, nonostante il deciso cambio di passo di quest’ultimo.

A differenza di quello di San Miguel, collocato ad altezza di strada, però il Mercado di San Antón dispone di diversi piani ed è anche possibile fermarsi comodamente a bere una cerveza o mangiare delle tapas sulla terrazza che si affaccia nei dintorni della Plaza di Chueca.

INDIRIZZO: Calle Augusto Figueroa, 24

METRO: Chueca (L5)

ORARIO:  Lun / Dom 10:00 – 00:0

MERCADO DE SAN MIGUEL

Il Mercado de San Miguel è una delle principali attrattive gastronomiche della città di Madrid oltre che uno dei luoghi più frequentati della capitale spagnola insieme al Stadio Santiago Bernabeu o il Museo del Prado.

Alla fine dello scorso anno, pur mantenendo inalterato il carattere che fino ad ora lo aveva contraddistinto, è riuscito ad associare alle proposte tipiche del mercato classico anche quelle di chef notoriamente riconosciuti all’interno del panorama gastronomico nazionale e internazionale.  

INDIRIZZO: Plaza de San Miguel, 5

METRO: Ópera (L2, L5) / Sol (L1, L2, L3)

ORARIO: Lun, Mar, Mer, Gio e Dom 10:00 – 00:00 | Ven e Sab 10:00 – 01:00

MERCADO DE LA CEBADA

Il Mercado de la Cebada è probabilmente uno di quei pochi mercati di Madrid che ha mantenuto inalterata la sua essenza di Mercato classico in cui poter acquistare prodotti di vario genere. 

Al suo interno è anche possibile assaporare un buon gelato artigianale o anche dell’altro di particolare.

Con il passare del tempo è riuscito anche a riconvertire gli spazi adibiti alla vendita di prodotti in dei posti nei quali occasionalmente organizzare eventi come i mercati dell’artigianato.

INDIRIZZO: Plaza de la Cebada, s/n

METRO: La Latina (L5) 

ORARIO: Lun / Ven 09:00 – 14:00 | 17:30 – 20:30 | Sab 09:00 – 18:00

YATAY MARKET

Lo Yatay Market è anch’esso, come il Platea precedentemente citato, un mercato atipico che lo allontana dalla maniera tradizionale d’intendere il mercato spagnolo.

Quello dello Yatai è un mercato infatti che si rifà direttamente allo street food di Honk Kong o Tokyo e al suo interno è possibile trovare le specialità di questo tipo di cucina come i bao, il pad thai, gli yakitoro, il ramen e tanti altri piatti provenienti dall’Asia orientale.

INDIRIZZO: Calle del Dr. Cortezo, 10

METRO: Tirso de Molina (L1)

ORARIO: Lun, Mar, Mer, Dom 12:00 – 00:30 | Gio, Ven, Sab 12:00 – 01:00

SUGGERIMENTI EXTRA

La lista dei mercati di Madrid è comunque lunga e non si limita solo a questi ma ne comprende di molti altri, anche caratteristici, situati nei pressi di zone poco frequentate ma che comunque meritano la pena se non fosse per il tempo ridotto spesso a disposizione di chi viene in visita nella capitale spagnola.

Per questo, nel caso in cui vi dovesse avanzare del tempo o decideste di fare un tour allargato dei mercati di Madrid vi raccomandiamo anche il Mercato de los Mostenses, situato a ridosso della Plaza de España o quello di Antón Martín, subito dietro la fermata di metropolitana omonima, nella quale spesso sono soliti organizzare delle fiere con birra e tapas a dei prezzi davvero modici.

 

Ci sono molte alternative intorno alla capitale spagnola dove poter organizzare una breve fuga dalla città. Un viaggio in giornata, senza fretta, molto rilassato essendo solo ad un’ora di auto o mezz’ora di treno.

I più conosciuti sono: El Escorial, Segovia e Toledo. Ogni bancarella per turisti a Madrid offre tutte queste gite di un giorno di solito per più di 50 euro con i biglietti dell’autobus e alcuni ingressi al museo.

La verità è che conviene organizzarsi al meglio e con anticipo, magari supportati da un programma turistico come offre Civitatis. 

La prima imperdibile città alle porte di Madrid è Toledo, con la sua particolare storia di multiculturalità.

Non perderti Toledo

A meno di un’ora in autobus, circa 10 euro per il viaggio di andata e ritorno per arrivare a valle dove ti aspettano le meravigliose scale mobili che caricano tutti i turisti proprio in cima alla collina dove si trovano tutte le principali attrazioni.

La prima cosa che tutti devono sapere su Toledo è che è chiamata “la città delle tre culture”, che è la sua caratteristica più emblematica, intrecciando tre mondi diversi.

Come la maggior parte dei nostri luoghi preferiti, Toledo fa parte del patrimonio dell’UNESCO per la sua storia unica e il suo patrimonio incontaminato.

La prima cosa da visitare è il Museo di Santa Cruz, molto vicino a Plaza de Zocodover. È uno spazio culturale nato dalla fusione tra l’Ospedale di Santa Cruz e il Convento di Santa Fe, che offre diverse mostre temporanee durante tutto l’anno.

Quindi è il momento di trasferirsi al famoso Alcázar, il luogo dove puoi passare ore ad ammirare tutte le immagini storiche e gli armamenti militari spagnoli. Quattro piani, non so quante stanze, argomenti e cose da vedere, ma dovresti passare almeno due ore qui. Non è solo l’interno, la posizione speciale di questo edificio offre una vista strabiliante dalla cima della collina.

Questa posizione diede ad Alcázar l’opportunità di diventare un luogo importante e strategico durante la guerra civile spagnola.

È ora di riposare e mangiare qualcosa di tipico in uno dei numerosi bar di tapas nelle stradine che collegano Alcázar con il secondo luogo più importante della città: la Cattedrale.

Prima di arrivare alla Cattedrale, è interessante entrare in queste stradine dove si possono trovare molti edifici arabi, facilmente riconoscibili per la loro architettura e decorazioni.

toledo travel madridiana

Poiché tutti i musei della città hanno in mostra collezioni militari, anche i negozi di souvenir locali sono specializzati in questa merce, i più famosi souvenir turistici sono spesso dedicati alla storia della guerra. 

La Cattedrale di Santa María de Toledo è gotica, dimensioni enormi, ed il biglietto d’ingresso costa 10 euro, ma c’è un ingresso gratuito dedicato se vuoi pregare, esattamente sul lato opposto rispetto all’entrata principale.

Certo, c’è una sorta di recinto di quest’area, ma puoi almeno vedere e avere un’idea dello stile e delle dimensioni della chiesa dall’interno.

Fu costruito nel 1226 durante la monarchia cattolica ed è considerato uno dei più grandi esempi di architettura gotica in Spagna.

L’acqua della Cattedrale

Il 15 agosto c’è una strana tradizione durante le celebrazioni della Virgen del Sagrario. Al di sotto della Cattedrale scorrono dei torrenti, e proprio nel giorno di Ferragosto vengono regalati dei “botijos” contenti l’acqua del pozzo del Claustro perché è considerata miracolosa, ed in seguito durante l’anno la trovi sempre in vendita all’entrata.

Questa , quando furono completate le opere della Cappella della Virgen del Sagrario, con otto giorni di festeggiamenti per ringraziare le molte persone che avevano partecipato dai villaggi circostanti. Con l’intenso calore di agosto molti fedeli abbandonarono la cattedrale per rifugiarsi in luoghi più freschi. Di fronte a questo problema, le autorità ecclesiastiche dell’epoca ordinarono la distribuizione di vasetti traboccanti di acque cristalline dai pozzi.

Arte e religione

La domenica alle 9 del mattino, quando inizia la santa messa, è anche bello ascoltare l’incredibile organo a canne.

L’area ebraica è molto vicina alla Cattedrale, per questo visitare una delle sinagoghe subito dopo la maratona cattolica è un’ottima idea.

Toledo è famosa per la sua tolleranza e per le diverse culture che hanno convissuto insieme per così tanto tempo, anche se la comunità ebraica fu espulsa dalla Spagna nel 1492 con l’editto di espulsione.

Oltre alle questioni religiose e di culto, vale la pena visitare le varie chiese e sinagoghe anche per visionare le eccellenti opere d’arte e d’artigianato che sono esposte al loro interno.

All’ingresso della chiesa di Santo Tomé, infatti, è presente una delle opere d’arte spagnole più famose di El Greco.

Lo riconosci? È la rappresentazione di “el entierro del conde de orgaz” che significa “La sepoltura del conte di Orgaz” proprio all’ingresso della chiesa. È olio su tela del 1588. Illustra una leggenda locale popolare. Essendo un dipinto eccezionalmente grande, è chiaramente diviso in due zone: la celeste in alto e la terrestre in basso, riunite in un’unica composizione.

L’ingresso non è gratuito, ma per pochi euro puoi vedere questo capolavoro e la chiesa ovviamente. È severamente vietato fotografare all’interno di Santo Tomé, una guardia del corpo osserva costantemente i visitatori pronti a bloccare ogni tentativo di sparare.

Sei un appassionato dell’arte di El Greco? Bene, Toledo è il posto giusto per gli amanti di El Greco visto che ospita un importante museo a lui dedicato.

Assicurati di visitare questa città quando sei in Spagna, come dice un famoso detto “Non hai visto la Spagna fino a quando non hai visto Toledo”.

Curioso delle altre due gite di un giorno menzionate all’inizio del blog? Un nuovo articolo su di loro arriverà presto.

Se non vuoi perdere tempo a visitare Toledo, dovresti prenotare un FREE TOUR prima di andare in città e passeggiare con le migliori guide.